News

Elettrostimolazione: usi ed efficacia in fisioterapia

Tempo di lettura stimato 2,1 min.

L’elettrostimolazione è un metodo fisioterapico molto diffuso che utilizza un apparecchio, l’elettrostimolatore, esso attraverso l’ausilio di elettrodi applicati sul corpo è in grado di generare impulsi elettrici che giungendo ai muscoli li contraggono ad intervalli regolari.


Utilizzi e benefici in fisioterapia

L’elettrostimolazione viene utilizzata per molteplici scopi fisioterapeutici.
Può essere calibrata in base agli utilizzi, variando intensità, durata, impulso, frequenza o latenza.

Nel caso specifico della riabilitazione può essere usata per migliorare il tono muscolare. In questo frangente le motivazioni possono essere differenti: dal recupero in seguito ad un trauma che abbia portato alla completa immobilità di un arto, al caso di un muscolo così detto “denervato”, ove l’elettrostimolazione serve a evitare che la condizione dello stesso degeneri in un atrofia con la relativa riduzione del diametro delle fibre a fino a giungere alla necrosi del tessuto.

In campo sportivo ed agonistico, gli atleti sfruttano i benefici dell’elettrostimolazione sia per migliorare visibilmente il proprio tono muscolare, ma anche per performare al meglio durante la preparazione atletica, affrontandola senza incorrere nel rischio di infortuni.
Questo metodo, infatti, aiuta e favorisce la potenza delle fibre muscolari, protegge tendini e muscoli da possibili traumi e li defatica una volta terminato l’allenamento.

Ancora, l’elettrostimolazione viene adottata con successo per il dimagrimento e per rassodare. Ciò è possibile grazie alla contrazione muscolare che favorisce il drenaggio dei liquidi ed il processo interessato alla distruzione dei grassi: la lipolisi.

Come si svolge l’elettrostimolazione

Questo procedimento richiede un apposito apparecchio in grado di eccitare la placca motrice del muscolo e generare impulsi elettrici attraverso i vari elettrodi adesivi applicati sul corpo del paziente: l’elettrostimolatore.
In base alla variazione dei parametri d’impulso (frequenza, intensità, durata, etc.) sarà possibile differenziare trattamenti ed effetti conseguiti, a seconda delle esigenze del cliente.

Gli elementi più importanti da considerare per ottenere risultati migliori sono la qualità delle apparecchiature usate, l’applicazione corretta degli adesivi sul corpo ed il giusto programma da attuare.

Per questo, il centro di Fisiokinesiterapia D’Arpa garantisce solo il meglio in termini di tecnologia utilizzata e preparazione dei propri specialisti altamente qualificati.

In ogni caso, quando si riabilita un arto o si recupera il tono muscolare, questa procedura non viene mai utilizzata in via esclusiva ma, anzi, agisce maggiormente e con grandi risultati se integrata con un lavoro attivo di tipo fisioterapico. L’elettrostimolazione, infatti, velocizza il processo di recupero, ma è molto più efficace se affiancata ad un protocollo riabilitativo.
L’utilizzo in via esclusiva viene effettuato solo nel caso in cui il movimento attivo sia totalmente impedito ed impossibilitato.

Articoli correlati

  • Colpo di frusta: sintomi e trattamento fisioterapico

  • Come funziona la magnetoterapia? Utilizzo e principali benefici.

  • Prevenzione cardiovascolare: come si esegue l’elettrocardiogramma?

  • Sciatalgia: sintomi, cause e cura