You are here:

Sciatalgia: sintomi, cause e cura

La maggior parte delle persone in età adulta ha sofferto almeno una volta nella vita di sciatalgia, una patologia comunemente definita più semplicemente sciatica. 

La sciatalgia è legata, come comprensibile dal nome, al nervo sciatico. Esso, il nervo più lungo del corpo umano e costituito da fibre, parte dalla zona lombo-sacrale e scende sino agli arti inferiori. 

In alcuni casi questo nervo è colpito da un’infiammazione, più o meno importante, che si estende dal fianco e arriva sino alla gamba e procura un dolore molto esteso. 
Questo fastidioso disturbo, che statisticamente colpisce più gli uomini rispetto alle donne, è fortemente invalidante per coloro che ne soffrono e per questo motivo è importante rivolgersi a persone esperte che sappiano identificare le cause e trovare i rimedi.

Sciatalgia: principali sintomi

La sciatalgia si manifesta con diversi sintomi, che possono variare in base ad ogni persona e il cui grado dipende dalla gravità del problema ed infiammazione del nervo sciatico.
Nella maggior parte dei casi la sciatalgia si manifesta con dolore diffuso che si irradia sul fianco e lungo tutta la gamba. A sua volta si crea un forte mal di schienacrampibruciori e formicolio sino ad arrivare ai casi più gravi con una sensazione di cedimento della gamba. Inoltre si manifestano dolori lancinanti al gluteo, riflettendo poi una grande difficoltà di deambulazione. 

Le cause più diffuse

Le cause di questa infiammazione possono essere molteplici, a volte può essere dovuta ad una protrusione o ad un’ernia del disco, o a stenosi del canale vertebrale dove scorre il midollo osseo o allo scivolamento di una vertebra sull’altra. Anche il sovrappeso potrebbe provocare infiammazioni al nervo sciatico. Infatti a volte anche l’aumento di peso, in particolare nelle forme di obesità, può essere causa di questa infiammazione che si estende sino al piede. Infine si tratta di un disturbo che si verifica a volte nelle donne in gravidanza, maggiormente affaticate dal pancione e dall’aumento di peso e tensione muscolare.

Sciatalgia: cura

Per prima cosa, nella manifestazione iniziale della sciatalgia i medici consigliano riposo, per evitare di compiere movimenti che possano peggiorare la situazione. Successivamente occorre individuare quali possono essere le posture da evitare e soprattutto identificare una serie di esercizi che aiuteranno a rinforzare e a tonificare la muscolatura. Nei casi in cui il problema fatichi a risolversi o è particolarmente intenso, è possibile che il manifestarsi del dolore acuto richieda la prescrizione di farmaci antinfiammatori. A seguire possono essere richiesti cicli di fisioterapia con professionisti esperti e preparati. 
Infine, quando l’infiammazione tende a regredire si può consigliare al paziente di programmare delle sessioni di allenamento con esercizi posturali mirati. È un percorso che allevia pian piano il dolore e consente nel tempo di rafforzare la muscolatura. 

Per effettuare una corretta diagnosi del problema occorre il parere espero di un medico fisiatra, il quale dopo aver effettuato un’accurata anamnesi, consiglierà un esame diagnostico per immagini (TAC o risonanza magnetica), che rivelerà la causa scatenante dell’infiammazione, e prescriverà la terapia più adatta.

Contattaci per maggiori informazioni

Galleria fotografica

Articoli correlati

Dalla fisiatria alla fisiokinesiterapia, dalla cardiologia alla medicina dello sport: uno spazio dedicato a novità, aggiornamenti e approfondimenti sui settori di nostra specializzazione.

Articoli correlati

Dalla fisiatria alla fisiokinesiterapia, dalla cardiologia alla medicina dello sport: uno spazio dedicato a novità, aggiornamenti e approfondimenti sui settori di nostra specializzazione.